27 giugno 2017

KAOS NOSTOS e l'incolmabile nostalgia. Mostra di Maria Sanchez Puyade





















Estate 2017 Trieste. Come a Dublino, New York, Pola, Melbourne, Shanghai, Mosca, Parigi, Londra, Montreal, Sao Paulo, San Francisco, e in centinaia di altri centri piccoli e grandi nel mondo, a Trieste – città che Joyce chiamò “mia seconda patria” – si è recitato, ballato, discorso, suonato e brindato nel nome di Joyce e del suo grande anti eroe. Leopold Bloom, protagonista del romanzo Ulisse, è riapparso ( me lo immagino a tratti barcollante) gironzolando per le strade di Trieste. Si è affacciato anche al Palazzo Costanzi, Sala Veruda. Trovando sulla porta Maria Sanchez Puyade, che lo fa entrare. Nascono in quel momento magie delicate e intense, difficilmente narrabili.

Diciassettesimo e penultimo capitolo, Itaca.

Kaos Nostos. Atmosfera profonda nella sala, penombra, eco di voci guida in lontananza che ipnotizzano e chiamano come sirene, cosmo stellato che scivola sulla terra e in senso verticale s'immerge fino alla storia, alle nostre peregrinazioni sperdute, al nostro girovagare ciechi in cerca di risposte alle nostre domande. Viaggiare, dentro e fuori dà un senso al nostro appartenere a questa terra, ma allo stesso ci toglie e aggiunge orizzonti, destabilizza certezze, sulla nostra assenza smuove equilibri, ricerca nuovi assestamenti al nostro rientro.

Maria Sanchez Puyade non desidera che si fotografino le tappe del suo percorso all'interno della mostra, perché desidera sussurrare, nella luce soffusa, richiami ancestrali affinché il visitatore si faccia attore, immergendosi, con o senza spiegazioni, in sensazioni fluide nello spazio/tempo/umanità/cosmo.
Rispettare le preferenze dell'artista è entrare ancora di più nel suo stesso cosmo.


Sala Veruda, Palazzo Costanzi, Trieste.
Fino al 16 luglio, ogni giorno dalle 10 alle 13 e dalla 17 alle 20.
















María Sánchez Puyade (Argentina, residente a Trieste dal 2005), cura e dirige l'emporio dell'arte Liberarti. Scrittrice e artista, ha partecipato a diverse installazioni, tra cui, La Febbre dell'oro (Bologna), Fiera in Giardino (Trieste), e la sua individuale: Animale in città (Artefatto-trieste). Ha ideato la performance 7Donne e Un uccellino, ha scritto due romanzi, un opuscolo di poesia, due operette teatrali e diversi racconti.

Nessun commento:

Posta un commento